BRUNETTA ESORDISCE E SCEGLIE LA NON DIRIGENZA

“C’è qualcosa di nuovo oggi nel sole, anzi d’antico”

Se il Pascoli sentiva nascere d’intorno le viole Confintesa Dirigenti P.A., in questa primavera pandemica, assiste al primo (speriamo non di una lunga serie) di brutti esordi del Ministro Brunetta: assunzione di Dirigenti della Pubblica Amministrazione, a tempo e scelti dal settore privato.

Cos’ha previsto il Costituente? “Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge” (art.97 Cost.)

Cosa prevede il Brunetta style? Da prime indiscrezioni pubblicate su autorevoli quotidiani ci potrebbe essere assunzione a tempo senza un concorso pubblico ma per reclutamento diretto di high skill (ma quant’è vecchio questo concetto) con la scelta dei migliori… con quali parametri non è dato sapere.

Mancano dirigenti nella P.A., il dato è certo ma altrettanto certo è che nella Pubblica Amministrazione esistono eccellenze non valorizzate e perché non si pensa di bandire un concorso serio, trasparente ed imparziale, tra coloro che hanno già maturato moltissimi anni esperienza, anche dirigenziale, nelle Pubbliche Amministrazioni?

Confintesa Dirigenti P.A. chiede di individuare e valorizzare il patrimonio di competenze professionali e di conoscenze presenti nella dirigenza pubblica, anche per l’attribuzione degli incarichi apicali, ritenendo gli incarichi ex art.19 co. 6 D.lgs. 165/2001 uno strumento in mano alla politica.

I nomi dei politici cambiano (e spesso neanche quelli) ma non rinunciano a perdere il timone di comando delle Amministrazioni e non si limitano a fornire meri atti di indirizzo ma entrano nelle singole scelte per alimentare il proprio consenso.

Quando finirà tutto questo?

One Response to “BRUNETTA ESORDISCE E SCEGLIE LA NON DIRIGENZA

Rispondi a Mario Scalini Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.